Pubblicato il Lascia un commento

La storia delle opere di bansky

Si fa chiamare Banksy ed è un artista e writer inglese, considerato uno dei maggiori esponenti della street art mondiale. Le sue famosissime opere (delle vede e proprie dissacranti critiche alle contraddizioni della società moderna) sono spesso a sfondo satirico e riguardano argomenti come la politica, la cultura e l’etica.
Guarda tutte le opere di Bansky

 

Scritte sui muri bansky- plup fiction

Uno dei suoi più famosi murales, quello con gli attori di Pulp Fiction che stringono banane anziché pistole, è stato recentemente rimosso: il suo valore stimato si aggirava intorno ai 400 000 euro. Il 3 giugno 2013 il murale Slave Labour è stato venduto all’asta per 750 000 sterline. L’opera è stata tuttavia rimossa dalla sua originaria collocazione nel febbraio dello stesso anno.

 

Scritte sui muri bansky- barriera israeliana

Banksy nell’agosto del 2005 ha realizzato un murales sulla barriera di separazione israeliana, costruita dal governo israeliano nei territori della Cisgiordania. Le caratteristiche di questi murales sono veri e propri squarci nel muro che permettono di “vedere” cosa c’è dall’altra parte.

 

scritte sui muri bansky- cat

Questo è l’opera denominata “CAT” che creò nel 2015 Gaza, opera in cui compare un gatto siberiano. L’opera fa parte di una serie di quattro opere che il graffitaro ha realizzato nel corso di un viaggio avvenuto nel febbraio 2015 e documentato da un video girato dal writer stesso. “Un uomo mi ha chiesto cosa significasse la mia opera”, commenta l’artista sul suo sito riferendosi all’immagine del gattino, “e ho spiegato che volevo mostrare la distruzione di Gaza mettendo foto sul mio sito, ma che la gente su internet guarda solo foto di gattini”.

 

 

Scritte sui muri bansky- “Spy Booth” (“La cabina spia”)

Scritte sui muri bansky- “Spy Booth” (“La cabina spia”)
A Cheltenham, nel Regno Unito, a pochi isolati dal quartier generale dell’agenzia del governo per le comunicazioni (Gchq), l’ente governativo responsabile delle comunicazioni è stato coinvolto nelle attività di spionaggio della National Security Agency americana,è apparso un murales che ritrae delle spie in impermeabile con microfoni e registratori vicino a una cabina telefonica.  l’opera è ispirata al cosiddetto Datagate, è in omaggio all’attività di Edward Snowden, il quale ha pubblicato i file che hanno svelato il controllo sulle comunicazioni dei cittadini americani e europei.

 

 

 “Mobile Lovers” -Gli amanti con lo smartphone
Mobile lovers” sembra voler evidenziare la mancanza di comunicazione reale in un periodo in cui quella digitale è onnipresente

 

Europe Flag – Bandiera europea
Il murale raffigura un operaio intento a rimuovere, con martello e scalpello, una delle dodici stelle della bandiera europea.
Il murale è stato realizzato su un edificio di Dover, città costiera britannica considerata tradizionalmente il punto di passaggio tra l’Europa continentale e la ‘perfida Albione’.
La cittadina ha avuto un ruolo di rilievo nella campagna referendaria per la Brexit a favore del ‘leave’.

 

 

Pubblicato il Lascia un commento

Video delle migliori opere di Banksy

BANKSY A FIRENZE, GRAFFITI IN MOSTRA A PALAZZO MEDICI RICCARDI

A Firenze arrivano le opere di Banksy, il padre della street art contemporanea: Banksy. This is not a photo opportunity” è la mostra in programma a Palazzo Medici Riccardi dal 19 ottobre al 24 febbraio

Non so perché le persone siano così entusiaste di rendere pubblici i dettagli della loro vita privata, dimenticano che l’invisibilità è un super potere. – Banksy

[fvplayer src=”https://muripulitipopolimuti.it/wp-content/uploads/2018/10/sssss.mp4″ width=”1080″ height=”1080″ popup=”1″ ad=”<script async src=\”//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js\”></script> <!– muri_personalizzati –> <ins class=\”adsbygoogle\” style=\”display:inline-block;width:250px;height:250px\” data-ad-client=\”ca-pub-8554460225880148\” data-ad-slot=\”2619537175\”></ins> <script> (adsbygoogle = window.adsbygoogle || \[\]).push({}); </script>” ad_height=”250″ ad_width=”250″]

Nessuno sa chi sia, eppure è forse l’artista più popolare del 21° secolo. A Firenze arrivano le opere di Banksy, il padre della street art contemporanea: “Banksy. This is not a photo opportunity” è la mostra in programma a Palazzo Medici Riccardi dal 19 ottobre al 24 febbraio. Una selezione delle migliori 20 immagini prodotte dal writer originario di Bristol, tutte le opere che ne hanno il mito diventando icone riconosciute in tutto il mondo.

Le sue prime opere compaiono all’inizio degli anni Novanta sulle strade di Bristol, città del sud-ovest inglese che in quegli anni cova una stagione di intensi fermenti artistici. Provocatorio, ironico, imprevedibile, Banksy parla di guerra, inquinamento, repressione, di omologazione e manipolazione nella società occidentale, con immagini dal potente impatto evocativo che, semplicemente, appaiono da un giorno all’altro per la strada, in posti qualunque, sulle pareti degli edifici visibili a chiunque passi di lì. Sempre restando anonimo: la sua identità non è mai stata svelata e le ipotesi su chi si celi dietro la firma di quei graffiti, che negli anni sono apparsi sui muri di tutto il mondo, hanno alimentato il mito di Banksy.

Le opere che hanno reso famoso Bansky:









A Palazzo Medici Riccardi ci saranno le sue immagini più celebri, quelle che si sono guadagnate altissima popolarità attraverso la condivisione sui social media.

Pubblicato il Lascia un commento

Le opere di Bansky

Si fa chiamare Banksy ed è un artista e writer inglese, considerato uno dei maggiori esponenti della street art mondiale. Le sue famosissime opere (delle vede e proprie dissacranti critiche alle contraddizioni della società moderna) sono spesso a sfondo satirico e riguardano argomenti come la politica, la cultura e l’etica. Scritte Sui Muri-Le opere di Bansky

[TheChamp-Sharing]

Le-opere-di-Bansky

Banksy è infatti considerato attualmente uno dei maggiori esponenti della street art (anche nota come post-graffiti e guerrilla art). L’arte di Banksy, infatti, trova la sua più piena espressione nella dimensione stradale e pubblica dello spazio cittadino urbano, realizzando pezzi che documentano la povertà intrinseca della condizione umana. Le sue opere con un taglio ironico e satirico trattano tematiche quali le assurdità della società occidentale, la manipolazione mediatica, l’omologazione delle masse, le atrocità della guerra e conflitti in tutto il mondo, l’inquinamento, lo sfruttamento minorile, la brutalità della repressione della polizia e il maltrattamento degli animali. Per far circolare questo messaggio viene fatto ricorso a un’ampia gamma di soggetti, quali scimmie, topi, bambini (celebri ormai i suoi rats), poliziotti, ma anche bambini, gatti e addirittura membri della famiglia reale.

 

[fvplayer src=”https://muripulitipopolimuti.it/wp-content/uploads/2017/11/Banksy-Street-Art.mp4″ width=”856″ height=”480″ popup=”1″ ad=”<script async src=\”//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js\”></script> <!– muri_personalizzati –> <ins class=\”adsbygoogle\” style=\”display:inline-block;width:250px;height:250px\” data-ad-client=\”ca-pub-8554460225880148\” data-ad-slot=\”2619537175\”></ins> <script> (adsbygoogle = window.adsbygoogle || \[\]).push({}); </script>” ad_height=”265″ ad_width=”265″]

 

Manipolando abilmente i codici comunicativi della cultura contemporanea di massa, Banksy riesce a trasformare in maniera davvero geniale questi temi atroci in opere piacevoli e brillanti, in grado di sensibilizzare i destinatari sulle problematiche proposte e di trasformare il tessuto urbanistico delle città occidentali in luogo di riflessione. In tal senso, gli stencil di Banksy sono permeati di un un’estetica diretta e intelligibile «come quella di un manifesto pubblicitario» che li sottrae alla marginalità e li restituisce alla fruizione di chiunque; la forte incidenza sociale del suo stile, infatti, rende le sue opere leggibili anche da bambini, come riportato dallo scrittore Paul Goghi in un aneddoto.  (Fonte) 

Scritte Sui Muri-Le opere di Bansky
Dopo anni e anni di sforzi per preservare il mistero sulla sua identità, sarebbe però secondo alcuni bastata una semplice gaffe in radio per rovinare tutto. Il nome dell’ineffabile artista di strada Banksy sarebbe stato svelato da Goldie, il produttore dei Massive Attack Interrogato dal conduttore di una trasmissione sulla mercificazione dell’arte di Banksy, Goldie ha risposto: “Non per mancare di rispetto a Robert, che è un grande artista…”. Robert??? Robert chi? Imbarazzo in studio e argomento subito glissato. Ma la frittata è fatta: Robert potrebbe essere Robert Del Naja, fondatore e anima dei Massive Attack..

Seguici sui nostri social per condividere con noi le scritte sui muri della tua città. Puoi seguirci sulla nostra Pagina Facebook “Muri Puliti Popoli Muti 2.0”
e su Instagram “Muri_Puliti_Popoli_Muti” .